Cosa sono le Digital PR?

Le Digital PR sono la versione digitale delle pubbliche relazioni “analogiche”.

Si tratta di un insieme di teorie di comunicazione che ha come obbiettivo quello di sviluppare ed instaurare relazioni, mettendo in contatto aziende, persone e istituzioni con i loro interlocutori.

Il potere dei Social Media amplifica le Digital PR rispetto alle pubbliche relazioni tradizionali, perché, al giorno d’oggi, ogni azienda ha a sua disposizione numerosi strumenti online, che vengono sfruttati in modo più o meno completo.

L’obbiettivo è quello di ottenere una copertura ampia e positiva, tramite l’utilizzo di tutti i mezzi di comunicazione, come ad esempio gli uffici stampa.

 

La crescita di Internet ha cambiato le modalità? 

Il web è stato prima informazione e poi comunicazione. Le Digital PR sono solamente relazioni e comunicazioni.

Le aziende stanno vivendo il “Digital Darwinism”, ovvero tecnologia e società si sviluppano e si evolvono più velocemente rispetto alle organizzazioni stesse.

Se non si trova il modo di adattarsi alla Digital Transformation, si continuerà a vivere, senza saper comprendere e sfruttare i cambiamenti relazionali della società.

Oggi i clienti comunicano direttamente con il brand riuscendo a valorizzare al meglio la brand identity e le priorità.

In Italia la situazione è migliorata rispetto ad un decennio fa, però, alcune PMI e professionisti non hanno posto nei giusti modi la comunicazione e la relazione verso i loro clienti.

 

Le relazioni offline si stanno estinguendo?

Molti degli strumenti utilizzati offline, se aggiornati o ripensati da zero, possono adattarsi perfettamente al modo di comunicare odierno. Un mix di semplicità e creatività assieme alla scelta del giusto canale può valorizzare al meglio una comunicazione “analogica”. 

Le testate offline usufruiscono dei contenuti che si trovano sulla rete per poter avere materiale da inserire in programmi televisivi o riviste cartacee.

Questo non è il caso delle agenzie pubblicitarie, poiché il loro scopo è vendere. Dato che il marketing si fa anche attraverso le Pubbliche Relazioni, questo è ancora un ottimo strumento per aumentare il fatturato aziendale.

Una grossa parte dei consumatori preferisce ancora i giornali, blog e programmi TV per ricevere comunicazioni, piuttosto che trovarsi a cliccare le pubblicità a pagamento, durante la loro navigazione online.

 

Al Ries insegna: i brand si creano con le PR

Costruire l’identità di un brand attraverso le Digital PR è ancora possibile.

Le agenzie di pubbliche relazioni dovrebbero lavorare in modo persuasivo, mascherando all’interno dei comunicati stampa dei richiami alla vendita, che costruiscano il brand nel medio e lungo periodo e sfruttino questa leva per portare nuovi clienti.

 

Costruire una strategia di Digital PR?

Per attuare una strategia di Digital PR di successo, non si possono non tenere in considerazione alcune attività fondamentali:

  • Scelta dei canali di comunicazione
  • Selezione del target di riferimento
  • Pianificazione della strategia di comunicazione
  • Analisi dei risultati

Non meno importante è trasformare la strategia in un piano operativo, rispettando una tempistica ben definita.

Raggiungere gli obbiettivi di business è uno degli aspetti fondamentali del Digital PR. Ecco perché risulta estremamente utile targetizzare i consumatori e agire con una strategia mirata.

 

Wedu, una piattaforma di marketing strategico, evidenzia alcune caratteristiche delle Digital PR in questa infografica.

Digital Pr

 

Digital PR: quali sono gli aspetti più comuni?

  • Interagire con gli utenti

Non basta pubblicare ottimi contenuti, per fare in modo che la brand reputation rimanga alta. La giusta strategia è ingaggiare gli influencer di settore e invitare loro a creare delle storie. L’interazione darà vita ad un circolo virtuoso, che vedrà nel medio periodo un bacino d’utenza più ampio. Interagire significa anche essere attivi online, rispondere ai commenti e creare una community, per far scoprire le potenzialità dell’azienda in modo “esclusivo”. I consumatori devono essere invitati ad interagire, grazie alla creazione di contest e sfide con in palio dei premi che aiutano alla fidelizzazione dei clienti.

  • Ascoltare la rete

Le Digital PR devono essere sempre connesse per raccogliere gli stimoli e le informazioni che la rete offre. Gli utenti molto attivi nei social hanno l’abitudine di dare spunti e consigli, utili a migliorare il prodotto e rafforzare l’autorità del brand. È davvero importante saper analizzare i dati raccolti per iniziare il piano di integrazione delle modifiche.

  • Definire il target

Identificare e definire il target e il tono della comunicazione è importante per stabilire quali contenuti raggiungano in modo più diretto le persone targetizzate. Le idee e i concetti devono adattarsi a ciò che le persone vorrebbero sentirsi dire in quel determinato periodo. Una tecnica è quella di studiare i trend topic e cavalcare l’onda dell’interesse del pubblico.

  • Convertire in vendita

La strategia di Digital PR termina con la conversione dell’engagement in vendite. Attraverso l’attività di blog oppure tramite gli influencer, gli utenti sono invitati ad acquistare i prodotti tramite delle call to action persuasive. Un metodo infallibile che da anni viene utilizzato con estremo successo è quello di offrire codici sconto e promozioni.

 

Conclusioni

Rimanere aggiornati, essere presenti sia online che offline, saper creare contenuti e analizzare i risultati sono alcune delle caratteristiche di un Digital PR.

La differenza la fa il rapporto umano: ecco l’importanza delle PR, che siano digitali oppure tradizionali.

[crediti della foto: wedu.com]

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo sui social! Grazie di cuore!

Digital PR: come instaurare relazioni e perché ultima modifica: 2017-06-21T23:14:48+00:00 da Luis Alves

Commenti

commenti

Categorie: Marketing

1 commento

I commenti sono chiusi.

Articoli correlati

Marketing

Comunicazione non verbale: tutto quello che devi sapere!

Cos’è la comunicazione non verbale? La comunicazione non verbale comprende tutti gli aspetti di uno scambio comunicativo che non riguarda il livello puramente semantico del messaggio, quindi riguarda il linguaggio del corpo, la comunicazione non Leggi tutto…

Marketing

Google+: critiche e utilità per un social professionale

Quando è nato questo social network? Google+ è un social network gratuito creato nel giugno del 2011. Il servizio è stato lanciato, inizialmente, in fase test e solo su invito. Il 20 settembre 2011 è Leggi tutto…

Marketing

Storytelling: la narrazione che determina il successo!

Cos’è lo Storytelling? Il Corporate Storytelling non è solo la creazione di una storia aziendale, che racconta dei suoi prodotti o servizi, ma è più un “Marketing narrativo” che ne muta la visione e l’approccio Leggi tutto…